Skip to main content

La guida completa al SEO On-Page

Come migliorare il tuo posizionamento tramite il SEO On-Page

  May 22, 2018    

Come ottimizzare il tuo sito per il SEO on page - Sem Seo

Che cos'è il SEO On-Page?

Il SEO on-page è il processo di ottimizzare ogni pagina del tuo sito per avere un posizionamento migliore nel SERP dei motori di ricerca. Il SEO On-Page comprende sia aspetti strutturali e tecnici sia l’ottimizzazione dei tuoi contenuti.

Si differenzia dal SEO Off-Page per una semplice ragione: nel SEO On-Page si interviene su tutto ciò che concerne il sito web, mentre nel SEO Off-Page si parla di costruire dei Social Signal che puntano al sito web e un profilo di backlinks di qualità.

Perché è importante?

Per parlare la stessa lingua dei motori di ricerca

I motori di ricerca sono programmi e algoritmi che parlano una lingua particolare, tramite il SEO on-page parli la loro lingua e rendi comprensibile il tuo sito.

Per questo devi cominciare sempre dal SEO On-Page: se il tuo sito risulta comprensibile ai motori di ricerca avrai un posizionamento migliore.

Se invece i motori di ricerca non capiscono di cosa parla il tuo sito, anche se ha molti link di qualità, non verrà posizionato bene.


Ti aiuta a rendere il tuo sito accessibile ai visitatori

I motori di ricerca si sono evoluti tantissimo e valutano anche la user experience, quindi investire nell’ottimizzazione On-Page rende il tuo sito migliore anche dal punto di vista dell’utente.

Dopotutto, anche se stai utilizzando tutti i modi possibili per portare traffico al tuo sito ma non piace agli utenti, tutti gli sforzi saranno inutili.


A volte il SEO On-Page è tutto quello che ti serve

Se la tua attività è piccola e vuoi puntare sui consumatori locali, oppure non hai tanti competitor perché operi in una nicchia, probabilmente l’ottimizzazione On-Page è tutto quello che ti serve.



5 Tecniche di SEO On-Page per migliorare la tua posizione sui motori di ricerca

Adesso che abbiamo compreso che cos’è il SEO On-Page e perché è importante, passiamo al lato pratico.

Ci sono moltissime tecniche di SEO on-page, non solo 5, ma dato lo scopo del post ci concentreremo solo sulle più importanti.

1) I contenuti prima di tutto

Un sito web con contenuti brillanti si posizionerà bene anche senza SEO. Certo non esprimerà mai il suo massimo potenziale ma sicuramente sarà in una buona posizione.

Ma che contenuti sono considerati buoni contenuti?

Contenuti originali

(possono essere articoli, testi, immagini, video, grafiche informative, presentazioni,…). Non ci devono essere nel web, copie identiche degli articoli che stai pubblicando. Inoltre non puoi riscrivere un articolo già esistente.


Contenuti pubblicati sul tuo sito una sola volta

Anche se i contenuti ripetuti vengono entrambi dal tuo sito è un errore. I tuoi contenuti devono essere pubblicati una sola volta.


Contenuti che includono testo

Prova a mettere del testo di accompagnamento ad ogni contenuto non testuale che pubblichi. Ad esempio se posti un video prova ad aggiungere una descrizione testuale. Nello stesso modo descrivi le immagini che pubblichi.


Contenuti utili

Non pubblicare contenuti solo per avere più parole chiave sul tuo sito. Prima di cliccare sul pulsante “pubblica” assicurati che i contenuti che stai pubblicando aumentino il valore del tuo sito.


Contenuti che si basano su delle ricerche approfondite

Gli utenti non vogliono leggere testi preparati in quattro e quattr’otto e nemmeno i motori di ricerca. Se stai scrivendo qualcosa su un certo argomento, o stai rispondendo ad una domanda, assicurati che quello che stai scrivendo si basi su fatti solidi e sia imparziale.


Contenuti lunghi

È provato che i contenuti lunghi si posizionino meglio di quelli corti.


Frequenza

Ci sono due cose importanti che hanno a che fare con la frequenza con cui si pubblicano nuovi contenuti. La prima è avere dei contenuti freschi sul tuo sito, sempre. La seconda è avere una strategia (o un piano editoriale) e attenersi a quello.

2) Ottimizzare titoli di pagina, descrizioni e formattazione

Quando i motori di ricerca leggono le tue pagine guardano il titolo della pagina, la descrizione della pagina, le headings e i contenuti.

Lo fanno perché devono capire di che argomento tratta la pagina, poi, in base anche ad altri fattori, posizioneranno la tua pagina per varie keywords nel loro indice.

Titoli di pagina

Ogni pagina deve avere un titolo unico che aiuti sia i visitatori che i motori di ricerca a capire di che cosa tratta. Una pagina intitolata “Che cos’è il SEO On-Page” è meglio di una una che si chiama “Index.html”.


Descrizione

La meta description della pagina è il testo che accompagna la descrizione della pagina nei risultati di ricerca. Deve essere descrittiva, lunga fino a 150 caratteri e unica per ogni pagina.

È la tua occasione per convincere l’utente a cliccare sul tuo link e visitare il tuo sito invece di vedere il sito di un competitor.


Formattazione

Una pagina deve essere formattata nel modo corretto. Pensala come un documento, che deve avere un titolo (h1) e vari sottotitoli (h2). È importante anche avere del testo che attiri l’attenzione, evidenziato in grassetto, in corsivo o sottolineato.

Non puoi buttare del semplice testo nella pagina, devi renderlo leggibile. Oltre alla formattazione spiegata sopra, devi anche usare un font di una certa dimensione (almeno 12px) e spezzettare il testo in piccoli paragrafi (al massimo 5 righe).


Immagini

Le immagini sono importanti per rendere il tuo sito più piacevole ma non devono rendere il tuo sito più lento. Ecco le best practices per le immagini:

Usa immagini originali - (o comprate da siti che vendono le licenze). Se usi immagini prese dal web metti sempre la fonte originale.

Ottimizza la dimensione dell’immagine - Più l’immagine è piccola (in byte) meglio è (senza dimenticarti la qualità).

Usa un tag ALT per descrivere l’immagine. - In questo modo aiuti i motori di ricerca a “capire” che cosa è raffigurato nell’immagine.

Nomina le immagini con un nome descrittivo. - Non chiamarle “immagine1.jpg” ma cerca di usare un nome che descriva il contenuto dell’immagine, per esempio “spiaggia-di-sassi-a-genova-in-liguria.jpg”.

3) Prestare sempre attenzione agli URL

La struttura degli URL è una parte importante del SEO on page. L’argomento URL si può dividere in tre parti:

Link Permanenti

Un link permanente è l’URL unico di ogni pagina. Per essere ottimizzato per Google ogni URL deve essere più corto di 255 caratteri e usare il segno “-“ per separare le parole.

Per esempio un buon URL è: http://www.sem-seo.it/web-design-brescia

Un URL che non va bene è:
http://www.sem-seo.it/p?145
http://www.sem-seo.it/webdesignbrescia
http://www.sem-seo.it/2314/pblish/data/web_design


Categorie

Raggruppare le tue pagine e i tuoi post in categorie aiuta gli utenti e i motori di ricerca a trovare quello che vogliono più velocemente.

È come avere un negozio con la merce sparsa in giro VS un negozio con la merce organizzata sugli scaffali.

Puoi avere anche delle sottocategorie, ma non dovrebbero esserci troppi livelli. Un’esempio di una buona struttura è:

Sem Seo > Sem > Pay per Click

Un esempio di una struttura troppo dispersiva è:

Sem Seo > Sem > Advertising > Pay per click > Suggerimenti


Breadcrumbs

Una breadcrumb è importante per tutte le tue pagine, perché permette agli utenti di navigare nel tuo sito in modo strutturato. Sanno sempre dove sono e quanto lontano sono dalla Home Page.

4) I Link Interni sono importanti

Linkare tra loro le pagine del tuo sito web è molto importante per:

Costruire la tua rete

La prima cosa che gli spider dei motori di ricerca fanno, quando analizzano un sito, è seguire tutti i link che trovano.

Quindi, quando arrivano alla tua pagina, se non hai link che portano da qualche parte, leggeranno la pagina e se ne andranno. Ma se hai link che puntano ad altre pagine nel tuo sito anche quelle verranno prese in considerazione.


Far sapere ai motori di ricerca di tutte le tue pagine

Come abbiamo detto prima quando i motori di ricerca trovano una pagina con dei link, li seguono e analizzano anche quelle pagine. Puoi usare questa tecnica per mostrare ai motori di ricerca pagine che non hanno ancora indicizzato.


Comunicare ai motori di ricerca quali sono le tue pagine più importanti

Ogni sito web ha delle pagine che sono più importanti di altre. I link interni sono un modo di segnalare queste pagine, mettendo più link interni che puntino a esse.


Aumentare il tempo che gli utenti passano sul tuo sito

Un utente che legge il tuo post è invogliato, se gli sono presentati dei post simili, a leggere più post sullo stesso argomento. Questo farà si che spenda più tempo sul tuo sito.

Invogliare gli utenti a passare più tempo sul tuo sito è un modo per avere un posizionamento migliore, Google vede quanto tempo gli utenti spendono sul tuo sito e ti posiziona di conseguenza

5) La velocità di caricamento e Mobile

Per ultime aggiungiamo due tecniche che stanno diventando sempre più importanti: la velocità di caricamento e l’aspetto del sito sul mobile.

Velocità

Google investe da sempre molti soldi per rendere il web più veloce. Ogni volta che qualcuno di Google parla di SEO la velocità di caricamento dei siti viene sempre menzionata.

Per “forzare” i webmaster a preoccuparsi della velocità del loro sito hanno reso la velocità di caricamento un fattore di posizionamento.

Quindi devi fare in modo che il tuo sito si carichi velocemente.


Mobile

Quasi il 60% delle ricerche fatte su Google sono fatte da smartphone. Per questo Google ha aggiornato l’algoritmo di ricerca per renderlo mobile-first.

Questo significa che se il tuo sito non è ottimizzato per mobile, stai perdendo posizionamento e traffico. Cosa devi fare?

Come primo step assicurati che tutte le pagine del tuo sito siano mobile friendly e il secondo step consiste nell’ottimizzare la velocità di caricamento da smartphone.


Strumenti per il SEO on-page

Come faccio a sapere quanto il mio sito è ottimizzato SEO?

È una domanda che si sente molto in giro, soprattutto quando si parla di webmaster che hanno appena scoperto il mondo SEO.

Ci sono tantissimi tools sul web, spesso gratuiti, creati per aiutarti a fare SEO. Ci sono strumenti per la ricerca di keyword, per l’analisi della velocità del sito, per l’analisi dell’ottimizzazione sei on page.

Ecco quindi un elenco di tutti gli strumenti che potrebbero servirti per analizzare il tuo sito web!

Google Search Console

Costo: gratis
Scopo: Analisi del sito

Qual’è il modo migliore per capire se il tuo sito è Google-friendly? Chiedere a Google stesso.

Google mette a disposizione gratuitamente una serie di strumenti per analizzare il tuo sito web. Un’esempio è lo strumento visualizza come Google che ti permette di vedere una pagina come la vedono i crawler di Google.

Le informazioni che ricevi sono molto utili per capire quali sono i punti deboli della tua pagina web e possono anche aiutarti a a capire se il tuo sito è stato hackerato.

Un’altro strumento molto utile di cui abbiamo parlato nell’articolo relativo ai tools per analizzare la velocità del tuo sito è PageSpeed Insights.

Questo strumento misura la velocità del tuo sito sia da desktop sia da mobile e fornisce dei consigli utili per velocizzarlo.

Google AdWords Keyword Planner

Costo: gratis
Scopo: Ricerca keyword

Questo strumento, pensato per fare la ricerca di keyword per le quali posizionare annunci a pagamento, può esserti molto utile quando stai effettuando una ricerca di parole chiave.

Puoi usare questo strumento per determinare quante ricerche sono effettuate mensilmente per una determinate keyword, per capire quanta competizione ha e per cercare sinonimi della tua parola chiave principale.

SEMrush

Costo: gratis per una prova e poi vari piani tariffari
Scopo: Ricerca keyword

Semrush è uno strumento molto completo che permette di avere report sia sulle performance dell’intero dominio che di pagine specifiche.

Hanno uno speciale strumento chiamato on page SEO checker che ti permette di analizzare il tuo sito e ricevere vari suggerimenti basati sui dati raccolti.

Inoltre puoi utilizzarlo per analizzare i siti posizionati in alto nelle SERP e capire come migliorare il tuo sito.

Hubspot Website Grader

Costo: gratis per una prova e poi vari piani tariffari
Scopo: Analisi del sito

Hubspot ha creato uno strumento per analizzare il tuo sito web. È molto intuitivo e offre dei report personalizzati su queste metriche:

Performance: questo strumento analizza la dimensione della pagina, le richieste, la velocità e altre metriche.

Mobile readiness: questa parte di report analizza il tuo sito da mobile guardando quanto è responsive.

SEO: analizza quanto il tuo sito si adegua ai parametri del SEO on page e quanto è “facilmente provabile” sia dagli utenti sia dai crawlers.

Security: questo strumento analizza la sicurezza del tuo sito, cerca ad esempio il certificato SSL.

Moz Pro Tools

Costo: 30 giorni di prova gratuiti poi ha un piano mensile da sottoscrivere
Scopo: Analisi del sito

Moz pro Tool è un’insieme di risorse per analizzare tutto quello che è possibile analizzare di un sito internet. Infatti fornisce dati per identificare delle opportunità di miglioramento SEO, traccia l’andamento del tuo sito nel tempo, fornisce dei report sui link che puntano al tuo sito tramite un crawler.

Woorank

Costo: 14 giorni di prova gratuita e poi ci sono vari piani sottoscrivibili
Scopo: Analisi del sito

Woorank fornisce un’analisi molto dettagliata di tutto il sito: l’usabilità del sito, il livello di ottimizzazione SEO, la presenza sui social media e anche di più.

Ogni report è diviso in otto sezioni: Marketing, SEO, Mobile, Usabilità, Tecnologie, Social, Local, Visitors.

Offre oltre 70 metriche, e rende molto facile scaricare l’analisi come un pdf.

KeywordTool.io

Costo: gratis
Scopo: Ricerca keyword

KeywordTool.io è uno strumento per la ricerca di parole chiave long-tail. Si basa sull’utilizzo dell’auto completamento di Google.

Funziona in questo modo: tu scrivi la tua keyword principale e la lingua e lo strumento genera automaticamente fino a 750 parole chiave.

Copyscape

Costo: alcune funzioni sono gratuite, altre sono accessibili solo tramite un piano premium
Scopo: Analisi Contenuti

Come controllare se i tuoi contenuti sono duplicati da qualche parte nel tuo sito?

Ecco lo strumento per trovare tutte le copie che esistono sul web dei tuoi contenuti! Puoi controllare se hai dei contenuti duplicati non solo nel tuo sito, ma anche sul web.

Nessuno potrà mai copiare i tuoi contenuti!

La tua Web Agency a Brescia

Sei interessato a ottimizzare il tuo sito internet per i motori di ricerca? Inviaci una mail per scoprire cosa possiamo fare per te.



Invia una email

 

Scroll